Acetone dei bambini: sintomi – Consigli – Cura

Acetone dei bambini: sintomi – Consigli – Cura

L’ acetone più che una vera e propria malattia è una particolare situazione di malessere dell’organismo. Si manifesta con vari sintomi, spesso si associa ad altre malattie .

L’acetone può manifestarsi a qualunque età. La vera crisi di acetone non accompagnata da altre malattie può essere rara nei primi dei due anni di vita del bambino.

La causa dell’acetone è l’aumento nel sangue dei corpi chetonici; sostanze che sono prodotte dalla trasformazione che i grassi subiscono nell’organismo.

In condizioni normali i corpi chetonici sono trasformati in altre sostanze ed eliminati senza alcun danno per l’organismo.

In particolari condizioni non vengono più trasformati ed eliminati oppure sono prodotti in eccesso. Questo porta a un loro accumulo nel sangue e alla comparsa dei sintomi dell’acetone.

Per questo motivo l’acetone può anche  essere definito un evento di autointossicazione.

Sintomi – Cause dell’acetone

Tutti sanno che alcuni bambini sono predisposti più di altri a presentare i sintomi dell’acetone ma, non se ne conosce ancora il motivo.

Si sa solo che il bambino predisposto può presentare una crisi di acetone in seguito a fattori che non hanno alcun effetto su altri bambini.

Esiste una certa ereditarietà di questo disturbo, quindi, un genitore che da piccolo presentava acetone, avrà un figlio con lo stesso problema.

Le cause scatenanti l’acetone sono molte. Alcune di queste sono:

  • un breve digiuno
  • un disordine alimentare
  • uno stress emotivo
  • il cambiamento di clima
  • un influenza
  • una qualunque malattia infettiva, ecc..

Molte volte è impossibile individuare una vera e propria causa  scatenante dell’acetone.

Come già detto prima, l’acetone è causato dall’aumento dei corpi chetonici nel sangue, con una temporanea trasformazione dei grassi. Più corpi chetonici si accumulano e più gravi saranno i sintomi.

Nelle forme più leggere il bambino ha meno appetito, ha più sete, ha gli  occhi cerchiati, la lingua biancastra e un particolare odore nell’alito, simile a quello dell’acetone usato dalle signore per togliere lo smalto dalle unghie.

Nello stato avanzato della malattia si possono avere dolori addominali, mal di testa, stitichezza, sonnolenza, il bambino può anche essere irritabile e nervoso.

Aumentando lo stato tossico compare il vomito (che può essere anche violento e assumere un  colore giallastro) e la febbre.

Cura e consigli  per l’acetone

Se non si interviene subito con una cura adeguata il bambino diverrà sempre più indebolito, con occhiaie profonde, pallido, con alito sempre più cattivo, con una lingua coperta da una patina biancastra e labbra secche.

Nei casi  più acuti si può anche arrivare (molto raramente) anche al coma acetonico e ad eventuali convulsioni causate dalla febbre.

Prima di  tutto i primi alimenti da sospendere sono i grassi (latte, burro, uova, formaggi ecc.)

Se è presente anche il vomito è necessario sospendere l’alimentazione e introdurre  liquidi ben zuccherati (acqua zuccherata, camomilla, the,  succhi di frutta diluiti ) nella quantità desiderata dal bambino  che di solito ha sempre molta sete. Si può usare anche del brodo di verdura salato.

Se il vomito è ripetuto e violento è consigliabile  somministrare questi liquidi in piccole dosi e molto frequenti.

Solo in casi molto gravi diventa necessario praticare al bambino delle fleboclisi.

Cessato il vomito, l’alimentazione può essere ripresa, ma in modo  graduale, evitando ancora per qualche giorno l’introduzione di cibi ricchi di grassi.

Ci sono  farmaci molto  efficaci contro l’acetone, sarà il pediatra a decidere quale farmaco usare e in quale modo debba essere assunto.

Questo articolo è stato ispirato dal libro: IL BAMBINO DALLA A ALLA Z – Prontuario di puericultura in 500 voci  – di G. Ferrari – G. Carini

  1. Ferrari è un medico chirurgo, specializzato in Pediatria
  2. Caroni è laureata in medicina e specializzata in Pediatria

Vi potrebbe interessare anche l’articolo – Gruppo sanguigno di un bambino

www.consigli.tuttosogni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.