Interpretazione psicologica dei sogni

Interpretazione psicologica dei sogni

La psicologia nei sogni

Interpretazione psicologica dei sogni: Il sogno è un’immagine ingannevole, un processo fisiologico che si sviluppa durante il sonno e che potrebbe avere un’apparenza di realtà. Gli incubi sono delle visioni orribili che a volte possono continuare a preoccupare la coscienza anche dopo il risveglio.

I sogni generalmente sono in stretta relazione con le azioni e i pensieri di tutti i giorni.

A volte il sogno potrebbe essere il ricordo di un evento passato ormai rimosso, una delle vie che conduce dentro all’inconscio.

I sogni si dividono in un contenuto manifesto e uno latente . Il contenuto manifesto è il sogno in sé, mentre il contenuto latente sono le circostanze che danno luogo alla scena onirica.

Sigmund Freud fornì all’interpretazione dei sogni un fondamento scientifico, infatti come medico seppe comprendere che i sogni avevano per la vita un significato importante, che riflettevano l’intimità dell’uomo e che permettevano deduzioni sulle sue condizioni psicologiche e fisiche.


Le sue teorie, che avevano un supporto scientifico, aprirono delle nuove strade alla ricerca degli psicologi, basate sul fenomeno dei sogni e sulla loro interpretazione.

 Si era ipotizzato che il contenuto dei sogni era costituito da desideri repressi che si manifestano poi, col passare del tempo sotto forma di simboli.

Ci sono stati diversi studi scientifici di medici e psicologi sulle forme e sulle manifestazioni dell’inconscio, e si è stabilita una relazione tra il linguaggio simbolico del sogno e il simbolismo generale che si manifesta nella vita psicologica, nell’arte e nella religione di tutti i popoli.

Interpretazione psicologica dei sogni: Sigmund Freud

Continua la lettura!

Interpretazione psicologica dei sogni: Sigmund Freud

I criteri di base per interpretare i sogni sono stati tantissimi, Cabalisti, filosofi, credenze popolari, medici e psichiatri hanno suggerito metodi tra di loro spesso differenti  e contrastanti.

Verso la fine dell’ottocento Sigmund Freud, laureato in medicina, pose attenzione su una nuova disciplina basata sull’analisi dei sogni, che gettò le basi per le teorie legate alla psicoanalisi. La psicanalisi, era basata sull’ esistenza di ricordi traumatici, rimossi e lontani nel tempo.

Freud Sigmund elaboro la sua prima importantissima teoria, ossia che la mente umana  è costituita dal conscio, dal preconscio, e dall’ inconscio.

Secondo Sigmund Freud l’ inconscio era la parte in cui si “rifugiavano” i ricordi, gli impulsi e i desideri repressi, che potevano poi, manifestarsi in diversi modi , ma sempre in modo da non essere  riconosciuti dal conscio e da non poter oltrepassare la censura del preconscio.

L’ inconscio costituisce la parte inferiore della psiche; La sfera dell’attività psichica che non raggiunge la coscienza.

Il Conscio è il substrato mentale superiore, cioè  quello che fa avere la consapevolezza di sé stessi e del proprio rapporto con l’ambiente circostante.

Il Preconscio si trova tra l’inconscio e il conscio, ospita i contenuti mentali che sono inconsci in un particolare momento, ma che, non essendo stati rimossi, sono accessibili al ricordo e possono essere portati alla luce sforzando la memoria.

Sigmund Freud, Giunse a considerare i sogni come la migliore via d’accesso ai contenuti repressi dell’inconscio.

Secondo Freud alla base dei sogni esistevano  solamente dei desideri  sessuali repressi. Questa sua teoria lo portò a scontrarsi con  Carl Gustav Jung  il più celebre allievo di Freud.

Anche se generalmente  si parli di “Psicanalisi” al singolare, in realtà non si tratta di un’unica dottrina, ma di diverse.

Esistono infatti, molte tendenze differenziate nell’ ambito del movimento psicanalitico, anche se molte hanno avuto origine dall’opera di Sigmund Freud;  di conseguenza esistono molti modi differenti di affrontare l’interpretazione dei sogni, ognuno dei quali ha tratto qualcosa da Freud, deformandone altre parti e aggiungendo considerazioni proprie, estranee all’ opera originale.

Interpretazione psicologica dei sogni: Carl Gustav Jung

Come già accennato,  esistono molti modi differenti di affrontare l’interpretazione dei sogni, ognuno dei quali ha tratto qualcosa da Freud.

Carl Gustav Jung  laureato in medicina fu per  alcuni anni un allievo di Sigmund Freud, che lo fece avvicinare alla psicoanalisi.

 Jung divenne un  forte sostenitore delle teorie del maestro  Freud, però molto presto apparirono delle divergenze tra  loro due.

Gli studi di Carl Gustav Jung  portarono la nascita di nuove teorie sulle interpretazioni dei sogni, ipotizzando che il contenuto dei sogni non era  costituito solamente da desideri sessuali repressi che si manifestavano poi , col passare del tempo sotto forma di simboli, ma era qualcosa di più profondo e di più complesso perché,  nel sogno erano presenti anche degli elementi che potevano  essere ricondotti al soggetto stesso, ed ad alcuni aspetti della sua personalità.

 Carl Gustav Jung  fu il padre della psicologia e della terapia analitica.

Carl Gustav Jung  definì il sogno come una fantasia spontanea, che insorge mentre il soggetto è addormentato e che può essere ricordata al risveglio.

Egli divise i sogni in due categorie: Quelli che permettevano di vivere le cose in maniera differente da come erano vissute durante la veglia e altri, in cui si ripetevano in modo chiaro ed evidente i fatti vissuti giornalmente.

Carl Gustav Jung  recuperò il pensiero degli antichi, vedendo nei simboli dei sogni dei messaggi, dei consigli e degli avvisi preziosi  dell’inconscio.

Secondo Jung un sogno poteva essere compreso e interpretato solamente se si conosceva il suo reale linguaggio.

Se questo articolo vi è piaciuto vi consiglio di leggere anche il post dedicato al significato di Che cosa sono i sogni – e quello di – Freud Sigmund

Non hai trovato quello che cercavi? Inviaci il tuo sogno compilando il modulo che trovi in questa pagina, pubblicheremo sul blog gratuitamente l’interpretazione personalizzata!

Link e prodotti utili:

Se questo articolo vi è piaciuto vi consiglio di leggere anche il post dedicato al significato di – Come trasformare un sogno in numeri fortunati 

Come trasformare un sogno in numeri fortunati?  Per chi volesse dare un risvolto diverso all’avventura onirica e tentare la fortuna, in questo articolo vi spiegherò un modo molto efficace per trasformare un sogno in numeri fortunati.

Innanzi tutto bisogna studiare bene il sogno fatto e, riuscire a capire quale simbolo onirico vi ha maggiormente colpito. Poi bisogna trasformare in numero la parola trovata tenendo presente che ad ogni lettera corrisponde un numero. Continua

www.tuttosogni.it

Consigli.tuttosogni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.