Ricostruzione unghie in gravidanza: sì o no?

Con la ricostruzione delle unghie si può sfoggiare una manicure sempre perfetta, ma poiché vengono utilizzati prodotti chimici, gel o acrilici, che vengono a contatto con una parte cornea del corpo, la domanda da porsi, quando una donna è in dolce attesa è “Ricostruzione unghie in gravidanza: si può fare?“. Le future mamme non vogliono in alcun modo danneggiare il nascituro, ma se sono abituate a sfoggiare degli artigli da leonessa, lo possono ancora fare oppure devono rassegnarsi a tornare alla manicure classica?
NDR: L’articolo è privo di qualsiasi valenza medica, ma è scritto a puro scopo informativo. Non sostituisce il parere di un esperto. In caso di dubbi è sempre bene rivolgersi a personale specializzato.

Ricostruzione unghie in gravidanza: si può fare!

Per effettuare la ricostruzione delle unghie è vero che si utilizzano delle sostanze chimiche, ma esse vengono a contatto esclusivamente con la lamina ungueale e non penetrano all’interno dell’epidermide.
Inoltre, tali sostanze rimangono allo stato liquido sulla superficie dell’unghia solo per qualche minuto, quindi non si corre assolutamente nessun rischio. 
La ricostruzione delle unghie in gravidanza si può perciò fare senza porsi alcun problema per la salute del bimbo in arrivo.

ricostruzione unghie con allungamento
immagine by it.freepik.com

Gravidanza e ricostruzione delle unghie: a cosa fare attenzione

Se è vero che tale tipo di manicure non è affatto tossica, non si deve però dimenticare che sarebbe meglio respirare il meno possibile gli odori delle sostanze acriliche o dei gel che vengono utilizzati. Tra l’altro per molte potrebbero risultare davvero fastidiosi e scatenare nausea e vomito. La soluzione per questo inconveniente è però semplicissima: basta indossare una mascherina.
ricostruzione opacizzare unghie gel
C’è un unica raccomandazione che fanno i medici e riguarda il periodo immediatamente precedente al parto. Nel caso di un cesareo, il gel sulle unghie costituirebbe un ostacolo per rilevare la saturazione sanguigna durante l’intervento, quindi consigliano di evitare la ricostruzione nelle due/tre settimane che precedono la data presunta della nascita.
In conclusione non vi sono controindicazioni per la ricostruzione, ma è bene evitarla durante l’ultimo mese di gestazione.
E tu come ti poni o ti sei posta su questo argomento? Pensi che la ricostruzione delle unghie in gravidanza possa essere un pericolo o no? Dimmelo in un commento e ricordati sempre che, in caso di dubbi, è sempre bene consultare il tuo medico, il ginecologo o l’ostetrica che ti segue.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.